imgp1309.jpg imgp1098.jpg img_2995.jpg imgp1330.jpg imgp1311.jpg

Sito realizzato da

MF_Web Solutions | Siti web, Indagini online, Cartografia

Tot. visite contenuti : 332712
Messaggio
  • Utilizzo dei cookie

    Questo sito utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti l'installazione dei cookies, sul tuo dispositivo.

    Maggiori info

    Guarda l'e-Privacy Directive Documents

In bici fino alla "Fin del Mundo" PDF Stampa E-mail

Giovedì 14 Dicembre alle h. 21 presso la sede della Sezione Ligure del Club Alpino Italiano (in Galleria Mazzini 7/3), viaggeremo assieme a Enrico Chierici e alla sua bicicletta sulle strade di uno dei luoghi più affascinanti del pianeta: la Patagonia.

LA SERATA
Il racconto per immagini di un viaggio lungo la famosa Carretera Austral, strada solo parzialmente asfaltata che collega Puerto Montt, città portuale posta al limite nord della Patagonia Cilena, e Villa O'Higgins, sperduto villaggio sulle rive del lago omonimo.
Quasi 3 mila chilometri e 40 giorni di pedalate lungo un territorio enorme e talmente suggestivo che Bruce Chatwin così definì: "La Patagonia! È un'amante difficile. Lancia il suo incantesimo. Un'ammaliatrice! Ti stringe nelle sue braccia e non ti lascia più".

ENRICO CHIERICI
Istruttore nazionale di scialpinismo (già direttore della nostra Scuola Nazionale) e istruttore militare di alpinismo, ha percorso in lungo e in largo le Alpi e gli Appennini.


Abbandonato di recente un classico lavoro d'ufficio, ha iniziato a dedicarsi a tempo pieno alle sue passioni, trasformandole in una professione. Divenuto GAE, Guida Ambientale Escursionistica, ha intrapreso anche la professione di guida cicloturistica.
Diverse sono le regioni del Mondo nelle quali si è recato per spedizioni: Groenlandia, Marocco, Algeria, Norvegia e, naturalmente, Patagonia.
Il suo primo obiettivo quando accompagna gruppi in natura è quello di trasmettere le emozioni che lui stesso vive, in un'immersione totale nei luoghi e nella storia.


INGRESSO LIBERO e GRATUITO