imgp1330.jpg imgp1098.jpg imgp1309.jpg imgp1311.jpg img_2995.jpg

Sito realizzato da

MF_Web Solutions | Siti web, Indagini online, Cartografia

Tot. visite contenuti : 317249
Messaggio
  • Utilizzo dei cookie

    Questo sito utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti l'installazione dei cookies, sul tuo dispositivo.

    Maggiori info

    Guarda l'e-Privacy Directive Documents

Chiusura della rassegna CAI Cinema PDF Stampa E-mail

Il CAI La Spezia propone la 3^ serata CAI Cinema venerdì 30 Marzo ore 21 presso la Mediateca Sergio Fregoso (ex cinema Odeon) in via Firenze.

Serata di chiusura della rassegna CAI Cinema con due proposte, sempre provenienti dal "Trento film Festival".

Dopo il grande successo ottenuto con le proiezioni dei films "Senza possibilità di errore" dedicato al Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico e "Samuel in the clouds", la Sezione CAI della Spezia, con il Patrocinio del Comune della Spezia presenta, nel corso della 3^ serata Cinema CAI, due film all'insegna dell'esplorazione e dello scialpinismo.

Il primo "The white maze" (Il labirinto bianco) è stato descritto come una missione impossibile: dirigersi migliaia di chilometri in mezzo alla Siberia orientale, a centinaia di chilometri da un ospedale, rischiare di perdersi all'interno di un labirinto di neve bianca, con lo scopo di sciare da una grande montagna. Ma alcune "missioni impossibili" valgono la pena di essere tentate, soprattutto quando si è i primi a farlo (vincitore del premio Mario Bello per il film che meglio rispecchia i valori e gli ideali del Club Alpino Italiano.


Il secondo film "When the mountains were wild" racconta di un gruppo di cinque amici sciatori, snowboarder e filmmaker che si mette in viaggio a bordo di un furgoncino alla ricerca del lato selvaggio dei Balcani. Prima di raggiungere la loro meta, in Albania, avranno occasione di passare attraverso i paesaggi che furono teatro delle guerre jugoslave. La loro destinazione era però la Valle della Valbona, incredibilmente bella e selvaggia, dove il tempo sembrava essere rimasto immobile nel tempo.

La serata è aperta al pubblico ed è ad ingresso gratuito.

Alla proiezione farà seguito uno scambio di opinioni, con il pubblico.

Per il download del comunicato, clicca qui.