img_2995.jpg imgp1330.jpg imgp1098.jpg imgp1311.jpg imgp1309.jpg

Sito realizzato da

MF_Web Solutions | Siti web, Indagini online, Cartografia

Tot. visite contenuti : 348190
Messaggio
  • Utilizzo dei cookie

    Questo sito utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti l'installazione dei cookies, sul tuo dispositivo.

    Maggiori info

    Guarda l'e-Privacy Directive Documents

Progetto CAI La Spezia “Un sentiero per tutti” PDF Stampa E-mail

Nei giorni scorsi, nell'ambito del Progetto "Un sentiero per tutti" che la Sezione CAI della Spezia ha intrapreso nel 2017 con l'acquisto, grazie al contributo della Fondazione Carispezia, di una carrozzina Joelette per trasporto disabili motori sui sentieri, si è svolto un incontro tra CAI La Spezia e Associazioni di settore (ANFFAS , Servizio disabili ASL 5, ANGSA La Spezia) presso la sede ANFFAS di Carrara.

Scopo della riunione è stato quello di prendere visione dei metodi di lavoro e dell'esperienza dell'ANFFAS, di confrontarli con quelli portati avanti dagli altri enti partecipanti alla riunione e di verificare la possibilità di svolgere un'attività comune e coordinata. Dallo scambio di esperienze è emersa l'importanza di avere escursioni in comune almeno una volta al mese e di impostare un programma di aggiornamento degli operatori e dei volontari. Si è condiviso il fatto che le escursioni devono favorire l'aspetto ludico/ricreativo socializzante oltre a quello riabilitativo/terapeutico. Devono essere inoltre utilizzati strumenti conoscitivi per verificare i risultati raggiunti, valutando se a seguito di queste esperienze c'è stato un miglioramento della qualità della vita e se vi sono stati momenti di disagio o paura.


Si è concordato che con i disabili deve essere fatto un lavoro di preparazione all'escursione dal momento che per ogni tipologia di disabile esiste un approccio specifico e per questo motivo, sia il paziente che il gruppo di operatori sanitari e/o volontari, devono lavorare insieme con uno scambio di informazioni, ma anche di sensazioni, fra di loro. Per attuare al meglio questa attività di gruppo devono essere predisposti corsi di formazione e scambi di esperienze. E' stato consigliato di riprendere in video e/o foto alcune fasi dell'escursione per permettere di rivedere l'esperienza e di discutere con i disabili quanto è stato vissuto, con lo scopo di far loro esprimere le sensazioni e le emozioni.

Parere unanime ha ottenuto la proposta di uscite in comune con più disabili, sia psichici che motori (una a La Spezia, programmata per il 22 aprile, ed altre due a seguire) e di organizzare il corso per gli operatori sanitari a cui potranno partecipare anche i volontari. In questo modo si vuol dare seguito, con l'avvento della primavera, a tutte le iniziative effettuate nel 2017 e culminate, a Dicembre, con il Corso per Conduttore Carrozzina Joelette che ha promosso i 25 partecipanti.